Calos irthete, ode manacho stes oscie fortomene ascepono ce asce tragudia. Che tradotto dal greco di Calabria vuol dire: Benvenuti (a Gallicianò), qui solo tra le montagne cariche di dolore e di canti.

Continua...