I propositi de "Il giardino di Morgana"

I propositi de "Il giardino di Morgana"

di Domenico Guarna

Carissimi,

il primo articolo di una nuova avventura, rappresenta sempre qualcosa di delicato ed allo stesso tempo complicato: le idee in mente si affollano ed attraverso uno scritto non è sempre semplice comunicare correttamente il proprio pensiero.

Ci proverò e spero nella vostra clemenza se l’intento verrà tradito dall’emozione.

L’associazione culturale “il Giardino di Morgana” nasce come tentativo di dare delle risposte a due domande di fondo:

  1. cosa potremmo proporre per far conoscere meglio il nostro territorio e le tante meraviglie talvolta in esso nascoste?
  2. quale potrebbe essere la formula per restare nella propria terra investendo sulla cultura?

Da qualche anno in un piccolo Affittacamere che insieme alla mia ragazza gestisco, entro in contatto con ospiti che arrivano da ogni parte d’Italia e del mondo e, così, ho plasticamente rappresentata la scarsa conoscenza della nostra Reggio Calabria, da parte dei più.

Reggio Calabria custodisce inestimabili tesori all’interno del Museo Archeologico Nazionale, questo è innegabile. Il fascino magnifico di questo estremo lembo di terra, però, non si esaurisce certo qui: si possono anzi annoverare siti archeologici di primaria importanza nascosti in piena vista all’interno dello stesso centro storico; bellezze paesaggistiche ed ambientali uniche che vanno dalle coste fino al cuore dell’ Aspromonte.

Noi cercheremo di essere un piccolo tramite nella divulgazione di queste meraviglie. Questo ci permetterà in prima battuta di crescere e poi, si spera, e se la sorte ci assiste, di coinvolgere nella nostra passione  più persone possibili.

Questo che ho cercato di raccontare  è il nostro piccolo tentativo; speriamo di avere la giusta forza e fortuna  in questa battaglia che, come tutte le altre battaglie, si presenta affascinate, incerta e ricca di insidie.

Colgo in ultimo l’occasione per ringraziare tutti gli amici che fin da subito ci sono stati vicini incoraggiandoci.